PAPARELE E BISI

Ricetta per 4 persone

Su una spianatoia disponete la farina a fontana e versatevi nel cratere le uova intere e il sale.

Aiutandovi con una forchetta, incorporate pian piano la farina, le uova e qualche cucchiaiata di acqua fino a ottenere una solida consistenza.

Lavorate poi l’impasto energicamente con le mani, continuando a rigirarlo, piegarlo, aprirlo e pressarlo con i palmi fino a ottenere una massa omogenea e molto elastica.

Avvolgete la pasta in un canovaccio leggermente infarinato e lasciatela riposare per mezz’ora.

Tagliatela poi in due parti (si noteranno le caratteristiche bollicine d’aria) e, con il mattarello, stendete ciascuna parte partendo dal centro, fino a ottenere una sfoglia sottile a piacere, non stracciata e di spessore uniforme.

Aspettate alcuni minuti che le sfoglie si asciughino un po’ ma senza seccare troppo.

Poi arrotolatele delicatamente e con un coltello ben affilato tagliate delle listarelle larghe un po’ meno di 1 cm: le paparele, appunto.

Allargatele infine su un canovaccio, diradandole tra loro affinché non s’attacchino e lasciatele ancora riposare per il tempo di preparazione del condimento.

Fate soffriggere la cipolla in olio e burro fino a che diventa vitrea; spegnete e aggiungete vino, brodo, la passata di pomodoro, infine i piselli.

Riaccendete e portate a cottura desiderata i piselli (15-20 minuti a seconda della maturazione).

Fate cuocere a parte le paparéle (fettuccine) in abbondante acqua salata e quando sono al dente, scolatele, spadellatele con il sugo e servitele con una spolverata di parmigiano.