Nervetti di manzo con cipolla e fagioli

Nella ricetta odierna vi spiegheremo come cuocere i nervetti di manzo in maniera sfiziosa e gustosa. I nervetti non sono altro che i piedini e gli stinchi di manzo e il loro consumo sta pian piano scomparendo.

Contrariamente a quanto si pensi sono un alimento magro, con pochissime calorie e ricco invece di proteine di alta qualità, sali minerali e vitamine. Sono presenti infatti tante vitamine del gruppo B e tra i minerali abbonda il ferro, lo zinco, il fosforo ed il potassio.

Ma vediamo ora più nel dettaglio la preparazione di questa ricetta.

Ricetta Nervetti con manzo e cipolle (per 4 persone)

Ingredienti:

Nervetti di manzo 500 g.

3 Cipolle

Fagioli lessati 350 g.

Cipolline sott’aceto 5-6

Olio extra vergine di oliva

Aceto 1 cucchiaio

Sale, Pepe, zucchero q.b.

Preparazione

La prima cosa da fare è quella di lavare bene sotto un getto d’acqua i nervetti di manzo.

In una pentola capiente fate bollire abbondante acqua con un cucchiaio d’aceto e una presa di sale.

Raggiunto il bollore, aggiungete i nervetti, coprite e portate a cottura a fiamma moderata per almeno tre ore schiumando spesso, comunque sino a che sarà facile tagliarli con un coltello.

Scolateli e tagliateli a tocchetti, ponendoli in una capiente terrina.

Affettate sottilmente le cipolle e versatevi sopra mezzo cucchiaino di zucchero, per diminuirne l’acidità.

Dopo dieci minuti lavatele sotto un getto d’acqua, fatele sgocciolare e unitele ai nervetti.

Aggiungete l’olio extravergine d’oliva, l’aceto, il pepe e poco sale.

Mescolate bene per amalgamare gli ingredienti e armonizzate i sapori.

Lasciate riposare.

Il piatto può essere gustato appena tiepido o anche freddo.

Una diffusa variante prevede l’arricchimento del piatto con l’aggiunta di fagioli lessati.

NB: se si desidera ci si può procurare da soli i nervetti, comprate due o tre ginocchia di mucca e mettetele
a bollire in una capiente pentola con carota, cipolla e una costa di sedano.

La cottura richiede circa 2h e 30 min. Lasciate raffreddare, poi levate le ossa e raccogliete tutti i nervi, che tagliate a pezzetti, procedendo poi come sopra.

Meglio mangiarli dopo una giornata o più di frigorifero.

Buon Appetito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *